Posts Tagged ‘ Rockin’1000

Una favola del 2015

C’erano una volta (cominciano così le favole no?) i Nirvana…

E tutti ce li ricordiamo per Kurt Cobain e la sua voce… la sua bellezza, le sue parole, la sua rabbia, la sua distruzione…

Ma dietro di lui, quasi sempre seduto, c’era un tipo tranquillo e ordinato nonostante la coda (o almeno così lo avevo inquadrato a forza di riguardare quel mitico unplugged con cui Mtv Italia inaugurò le trasmissioni nel settembre del 1997).

Beh, poi qualche anno dopo… dopo che Kurt aveva preferito lasciare questo mondo, ho scoperto che quel tipo tranquillo, aveva anche una gran voce e non sapeva suonare solo la batteria. Fino a che a me lo sono ritrovato in queste condizioni a far esplodere Wembley… (se non ci credete, andate direttamente a 0.02.20 del prossimo video)

E insomma quel tipo tranquillo si era portato dietro un sacco di gente. Almeno 1000… mille persone, mille ragazzi, mille anime in un prato… mille musicisti talmente innamorati di lui e della sua musica da volerla suonare tutti insieme. Forse per darle più forza o forse solo per trovare un modo per portarlo vicino… dall’unplugged di New York… a Cesena… in Italia…

E quel ragazzo tranquillo (ed educato) non poteva non rispondere ad un così fantastico biglietto d’invito…

Fu così (devo rimanere nei tempi verbali da fiaba) che il ragazzo tranquillo e i suoi amici arrivarono al Carisport il 3 Novembre del 2015. E insieme a loro altre 1000 anime… anzi… 4 mila…. perché di più non ce ne stavano. Ma UNO in particolare, quella sera di Novembre la ricorderà per sempre… ve lo posso giurare. Se tornate un attimo nel pratone, nei primi dieci secondi, lo noterete anche voi. O forse lo avevate già notato… Di sicuro lo aveva notato il tranquillone di Davide… che a circa 4 minuti del prossimo video lo fa decollare fra le braccia dei 4000 del Carisport per raggiungere Freddie Mercury e David Bowie in quello che chiunque abbia mai imbracciato una chitarra, pestato su una batteria o qualsiasi altra cosa si possa fare con un qualsiasi altro strumento avrà visto almeno una volta nei suoi sogni.

Ora, personalmente, questa storia mi avrebbe già fatto stare bene, ma permettetemi di aggiungere che mi fa stare ancora meglio pensando che in qualche modo ci sono dentro.  Sì perché dovete sapere che diversi anni fa, in una sera di fine estate, mi sono ritrovato in un pub di Viareggio con una birra in mano a rimanere incantato da dei ragazzini che vivevano il loro sogno di suonare la musica dei loro miti e ce la mettevano davvero tutta… e si sentiva. Poi forse sarà stata anche la birra, ma:
Complimenti! mi avete fatto passare una fantastica serata
Grazie!”
Quando suonate di nuovo?”
Eh, quando ci fanno suonare…
E io da Firenze come faccio a saperlo? Ce lo avete un sito internet?
No… ancora no
Dai! Ve lo faccio io… è il minimo per ringraziarvi

Beh! in qualche modo è nata un’amicizia… che va avanti da più di 10 anni. E  Gabriele (the mohawk guy per intenderci) è parte del gruppo…

…e quindi stanotte posso sognare che una sera di queste, magari con una birra in mano… sarò con Luca… Giordano… Gabriele…. e potrò finalmente chiedergli che cosa ca**o ha chiesto al tranquillone di Davide prima che lui lo spedisse a suonare “that fuck****** song!” E magari più tardi saranno loro a chiamarmi sul palco per suonare insieme…